In questa sezione potete trovare alcuni progetti fotografici commissionati e alcuni lavori di ricerca personale.
Mi sono avvicinato alla fotografia grazie ad un amico quando ancora frequentavo le scuole medie; all'Istituto professionale C. Caniana di Bergamo, con il Prof. Cividini, ho imparato i principi della ripresa fotografica ed ho imparato a stampare il bianco e nero. Presso il Centro di Formazione Professionale Riccardo Bauer (Ex Umanitaria) di Milano ho avuto come insegnanti, tra gli altri, Roberta Valtorta (Critico della fotografia e Direttrice scientifica del Museo di Fotografia contemporanea di Cinisello Balsamo - MI), Mara Campana (Direttrice dei corsi del CFP Bauer, Milano), Sergio Giusti (critico) ed i fotografi Giampietro Agostini e Luciano Soave. Qui le mie conoscenze si sono arricchite sia dal punto di vista teorico approfondendo la storia della fotografia, l'analisi dell'immagine fotografica e la comunicazione visiva, sia dal punto di vista pratico con l'utilizzo delle luci sul set fotografico (flash e luce continua), lo studio delle diverse tecniche (analogica e digitale) di ripresa fotografica, lo still-life, la camera oscura, la post-produzione (Photoshop®) e le diverse modalità di stampa.
Oltre a lavorare in proprio, svolgo anche l'attività di assistente fotografo per diversi professionisti che operano nei campi più svariati: dall'architettura all'arredamento, dalla moda allo still-life, ciò mi permette di poter lavorare a contatto con persone (architetti, designer, stilisti, modelli, imprenditori) con una certa esperienza, acquisita nel corso del tempo, e poter confrontarmi continuamente.
Come si può facilmente capire guardando i miei lavori i soggetti che preferisco sono i contesti teatrali e musicali, l'architettura ed i paesaggi.
Amo il teatro come forma d'arte e di espressione. Mi piace il rapporto che si instaura tra gli attori e tra gli attori ed il pubblico. Il teatro è un'arte viva.
Quando un attore recita entra in un'altra dimensione, si trasforma in personaggio, non si preoccupa più di quello che succede attorno, diventa qualcosa di speciale: io voglio rendere immortale questo momento, voglio enfatizzarlo, voglio cercare di trasmettere le emozioni che provo attraverso le mie fotografie.
La musica è un mondo molto simile al teatro: l'unica cosa che conta per il musicista è perdersi tra le note per creare armonia. Il muscista e il suo strumento diventano un tuttuno.
L'architettura ed il paesaggio sono altri due miei temi preferiti; mi piace cercare un soggetto stimolante, studiare un gioco di linee o di colori, un punto di vista che dia un senso all'inquadratura, posizionare la macchina fotografica sul treppiede ed aspettare che un passante si trovi in una determinata posizione all'interno dell'inquadratura, attendere la luce giusta che più si avvicina all'idea che avevo in testa, oppure aspettare il momento in cui si forma un'ombra in un punto preciso.
Quella del fotografo è per me prima di tutto una passione e poi una professione. Mi piace curare i dettagli di ogni inquadratura, togliere tutto ciò che è superfluo, perfezionare l'immagine. Sono paziente e aspetto fino a quando arriva l'occasione giusta, fino a quando il mio sguardo coglie "quel qualcosa" che sto cercando.
Per fare una fotografia non basta premere un pulsante ma bisogna metterci amore e dedizione.
Questa professione richiede un'ottima conoscenza della tecnica, ma ovviamente la tecnica da sola non basta. Bisogna conoscere il modello dei grandi maestri del passato che si sono contraddistinti in vari campi: dallo still-life, alla moda, al reportage, alla foto di architettura.
La formazione continua è uno dei modi per rimanere aggiornati sulle sempre nuove tendenze professionali e artistiche legate al mondo della fotografia e della comunicazione in genere. Personalmente cerco sempre di approfondire le mie conoscenze sia attraverso ricerche personali, per avere una visione sempre più consapevole della complessità che ci circonda, sia partecipando a corsi che permettono di stare a contatto con professionisti del settore e avere un libero scambio di idee e di opinioni.
Per mantenermi continuamente aggiornato sfoglio riviste di fotografia e non. Ciò mi permette di avere una visione multidisciplinare ed essere in grado di analizzare una fotografia, un reportage o un portfolio da diversi punti di vista. Mi piace capire come sono stati tecnicamente realizzati per comprendere cosa il fotografo vuole comunicare e dire allo spettatore. Frequento mostre ed esposizioni, partecipo a workshop e conferenze, leggo libri scritti da curatori e critici.
Ho una curiosità insaziabile verso tutto quello che è legato al mondo dell'immagine e della comunicazione.

ultima modifica: 30/03/2013