piccolo estratto accelerato
Viviamo con i piedi appoggiati a terra e la testa in alto, vicino alle nuvole.
Sulla terra affrontiamo la vita di ogni giorno, gli impegni, le occupazioni quotidiane; il cielo è il luogo della nostra mente, le nuvole sono i nostri pensieri. Intangibilità e astrattezza li caratterizzano entrambi.
Quando ci perdiamo ad osservare il cielo entriamo nel labirinto dei nostri pensieri. Ci allontaniamo dai luoghi reali per dare spazio ad un mondo tutto nostro.
Nel cielo le grandi masse di nuvole lentamente mutano in forme sempre nuove, a volte incomprensibili, altre volte giocano a imitare la realtà diventando un attimo dopo di nuovo grandi macchie bianche.
Ho scelto il luogo cielo perché è quello che più si allontana dalla realtà quotidiana.
Ci fa sognare, ci fa dimenticare i problemi, lì possiamo nasconderci quando ne abbiamo bisogno senza essere disturbati.
È il luogo che creiamo noi, costruito dalla nostra fantasia, come io ho creato questo video, che non è il prodotto di riprese video né di fotografie né di pittura, ma è il risultato di immagini generate dal computer, immagini quindi non reali, ma artificiali che conferiscono a questo lavoro le stesse caratteristiche di intangibilità e astrattezza che accomunano anche nuvole e pensieri.

Come nel mondo reale possiamo guardare il cielo in qualsisi ora del giorno e scoprirlo sempre diverso, questo video segue l'andamento delle nuvole nell'arco di un'intera giornata, mostrandoci i cambiamenti di luce che avvengono nelle ventiquattro ore.

Guardando questo video andiamo al di là della realtà, come quando contempliamo il cielo: i nostri pensieri si fanno più leggeri, calmi, tranquilli e seguono il movimento di queste nuvole sempre presenti, ma mai grigie e tristi.


Allestimento
Proiezione a soffitto della durata di 24 ore, con la possibilità per l'utente di sedersi o sdraiarsi su di un tappeto imbottito.

ultima modifica: 30/03/2013